La pandemia COVID 19, gli eventi infettivi in generale, possono essere strutturati e spiegati in modi molto diversi. Una di queste è la prospettiva delle aziende per affrontare questo grande evento. Dal punto di vista delle aziende, la seconda delle tre fasi della pandemia COVID-19 (modello trifase JDMT per far fronte alle pandemie nelle aziende) sta ora iniziando in Svizzera.

Mentre la prima fase è stata caratterizzata dall’identificazione precoce di una minaccia emergente, dall’attivazione del piano pandemico aziendale, dall’organizzazione degli organi di gestione delle crisi con l’attuazione di misure per rispondere alle esigenze ufficiali e dalla gestione della situazione pandemica in azienda (»fase di crisi”), la seconda fase riguarderà il periodo, durante il quale, dopo un primo picco, i primi requisiti ufficiali vengono attenuati, altre restrizioni continuano ad essere applicate e rimane il pericolo che una brusca recrudescenza del ricovero ospedaliero legato alla COVID-19 porti ad un ulteriore rafforzamento delle restrizioni ufficiali (»periodo di permanenza pandemica”). Infine, la terza fase descrive il periodo di transizione verso condizioni normali, compresa la revisione delle lezioni apprese e le misure di preparazione per una nuova crisi pandemica (»fase interpandemica”).

Nessuno conosce lo sviluppo della pandemia COVID-19, non solo perché si tratta di un evento unico e inedito, ma anche perché il comportamento delle persone, influenzato in modo significativo dalle decisioni politiche dei parlamenti, dei governi e delle autorità, influenza in modo significativo lo sviluppo del COVID-19. Il probabile sviluppo, dal punto di vista da JDMT, è stato descritto graficamente dall’Imperial College di Londra. L’utilizzo delle capacità dei centri di terapia intensiva agisce da stimolo per l’intensificazione o il rilassamento delle misure soppressive: Se lo scarico di capacità dei centri di terapia intensiva supera un valore definito, le viti di soppressione COVID-19 devono essere nuovamente serrate; se scendono al di sotto del valore definito, le viti possono essere allentate.

La prima fase secondo il modello trifase JDMT è durata in Svizzera circa 3,5 mesi (inizio gennaio 2020 fino a metà aprile 2020). La seconda fase, invece, durerà probabilmente quattro volte di più, cioè ben 14 mesi (da metà aprile 2020 a fine giugno 2021). JDMT parte dal presupposto che il vaccino non sarà disponibile prima della primavera del 2021 e che la durata della vaccinazione (disponibilità sufficiente del vaccino e realizzazione delle vaccinazioni) durerà fino all’autunno 2021, anche se a partire da maggio 2021 è prevedibile la prospettiva della fine della pandemia COVID-19 per la Svizzera.

Le sfide per gli organi di gestione e di gestione delle crisi nelle aziende non dovrebbero diventare più piccole nella seconda fase rispetto alla prima, ma piuttosto diverse. La capacità di pianificazione rimarrà bassa, gli imponderabili rimarranno in misura considerevole e si imporranno ulteriori richieste alla resistenza degli organi di gestione delle crisi. E la relativa stabilità che è stata raggiunta con le misure di soppressione lascerà il posto alla volatilità e all’incertezza una volta allentate le viti.

Inoltre, il più difficile da menzionare è che non solo lo sviluppo della pandemia dipende da molti fattori, ma anche le misure adottate dalle autorità in relazione alla pandemia con un impatto sulla società e sull’economia sono diverse e dipendono da molti fattori. A differenza della prima fase, in cui il governo ha rapidamente intensificato e deciso misure straordinarie, è ora molto probabile che venga introdotta una politica di stop & go, alla quale la stessa organizzazione di crisi dell’azienda deve essere preparata.

JDMT supporta le aziende con un’ampia gamma di servizi per aiutarle ad affrontare la pandemia COVID 19.